Archivio tag: politica

Ungheria : Orban assume pieni poteri e mette in quarantena la democrazia.

Il primo ministro ha ottenuto pieni poteri per governare per decreto senza limiti di tempo, estromettendo il Parlamento dal controllo.

L’emergenza sanitaria dovuta all’epidemia di Covid-19, la malattia causata dalla diffusione del virus SARS-CoV-2 (Severe Acute Respiratory Sindrome – Coronavirus – 2), comparsa inizialmente nella provincia di Wuhan in Cina tra dicembre 2019 e gennaio 2020, dichiarata dalla Organizzazione Mondiale Della Sanità (WHO, World Health Organization) emergenza internazionale il 30 gennaio 2020 e classificata poi come pandemia l’11 marzo 2020, è ormai diffusa in tutto il mondo.

Attualmente (18 aprile 2020) le zone più colpite sono l’Europa e gli Stati Uniti; in particolare in Europa l’epidemia, cominciata in Italia, si è presto diffusa in tutti i paesi dell’Unione.

L’Ungheria con 1.834 persone contagiate e confermate, 231 guariti e 172 decessi (fonte : Google al 17 aprile), sta affrontando la difficile fase di espansione, anche se con numeri inferiori agli stati più colpiti.
Proprio durante la fase espansiva del contagio i sistemi sanitari delle nazioni colpite vengono messi a durissima prova, sia per le strutture, che per il personale medico sanitario.

Il sistema sanitario ungherese era già in condizioni critiche, a causa dei tagli economici subiti per decenni, i più importanti e recenti dei quali sono stati inflitti proprio durante i governi condotti da Viktor Orbán.

Viktor Mihály Orbán (nato a Székesfehérvár il 23 maggio 1963) fa parte di Fidesz – unione civica ungherese, formazione politica traslata dall’iniziale liberalismo all’attuale sovranismo nazionale populista, proprio sotto la sua conduzione, ed è a capo del governo ungherese dal 2010 (dopo un primo periodo di governo dal 1998 al 2002).

In questi 10 anni, il suo governo, sostenuto da un’ampia parte dell’elettorato ungherese (49,7% alle ultime elezioni del 2018), ha tenacemente perseguito una politica nazionalista cercando di limitare in ogni modo le voci dell’opposizione, cavalcando con grande successo il diffuso sentimento di nazionalismo anti-europeista, restando tuttavia sino ad ora nel rispetto delle regole democratiche.

Da tempo i giornalisti e gli oppositori del suo governo lamentano questo tipo di atteggiamento sempre più autoritario.

Proprio in questo momento di grande difficoltà del paese, dovuta al dilagare dell’epidemia, il primo ministro ungherese, forte della schiacciante maggioranza parlamentare, fa approvare una legge che gli conferisce pieni poteri motivandola con il contrasto all’epidemia.
Cercando in questo modo di nascondere la crisi del sistema sanitario nazionale, in gran parte aggravata proprio dai governi da lui stesso presieduti.
Il tutto riducendo al silenzio oltre ai giornalisti anche medici e infermieri.

La legge approvata nella seduta del 30 marzo 2020 a larga maggioranza (138 voti a favore e 53 contrari) consente al premier magiaro di governare assumendosi tutti i poteri dello stato per decreto, senza limiti di tempo né avversari.

L’opposizione è insorta : “lei vuole mano libera per eliminare anche ciò che resta della libertà di opinione” ha accusato la deputata di “Dialogo per l’Ungheria” (partito politico ungherese ecologista di centrosinistra); “Ha inizio la dittatura di Orban” dichiara il deputato socialista Tamas Haranzogo.
In un intervista al fatto quotidiano il giornalista ungherese Gábor Polyák dice : “É dal 2010 che vengono approvate norme contro lo stato di diritto inimmaginabili – e aggiunge – è da più di dieci anni che viviamo governati da una persona che non viene controllata né limitata in alcun modo. Sappiamo che Orban odia qualsiasi tipo di interferenza e di dibattito : adesso ha avuto formalmente la possibilità di eliminarli.”

L’ambasciatore ungherese in Italia, alla domanda, “Orban, una volta finita l’emergenza, sospenderà questa legge?” risponde “Non ne ha bisogno sul lungo periodo, politicamente è troppo rischioso, ma sarà il vincitore quando annuncerà che il periodo del governo per decreto sarà finito.”

Attualmente i provvedimenti presi dal governo sono stati oltre al coprifuoco già in vigore, l’impiego dei militari per la conduzione delle imprese strategiche e i servizi essenziali.

Tuttavia, anche in considerazione dei numeri dell’epidemia in Ungheria, che non sono paragonabili a quelli ben più gravi di altre nazioni della Comunità Europea, la legge di Orban sui pieni poteri non era evidentemente necessaria al fine di introdurre efficaci misure di contenimento.

Inoltre, impegnata in questa drammatica battaglia, l’Europa non ha trovato il tempo e forse neppure voglia di mandare un forte avvertimento ad Orban, per fermarne la deriva autoritaria.

Il venir meno della suddivisione dei poteri dello stato, mette di fatto in quarantena la democrazia ungherese.

In un sistema democratico un meccanismo, anche se condiviso, che conduca comunque ad un esito anti-democratico non dovrebbe essere ammissibile. Una maggioranza, anche in quanto tale, in democrazia non può annientare l’opposizione pur minoritaria.

L’UE rischia di ritrovarsi fra i suoi membri una dittatura, a Budapest la democrazia si spegne nel silenzio.

LaManser

A proposito del referendum

“Sulla riduzione del numero dei parlamentari”

Sono convinto che il referendum sulla riduzione del numero dei deputati rappresenti il fallimento di una classe politica che ancora una volta, non è riuscita ad assumersi la responsabilità di prendere le decisioni per le quali è stata eletta. Al sicuro delle loro poltrone rimbalzano agli elettori le loro responsabilità e forse molto di più.

In un primo momento ho pensato che la miglior cosa da fare sarebbe stata quella di rifiutare la scheda al seggio o di invalidare scheda stessa; rifiutare di fare il lavoro che avrebbero dovuto fare loro. Lavoro per il quale loro stessi si sono dati disponibili (mica glielo ha ordinato il dottore di candidarsi, e nemmeno sono stati minacciati per farlo), sono pagati per quello e per quello sono loro accordati molti (troppi) privilegi.

Ragionandoci su mi sono chiesto: “Ma perché invece di dimezzare il numero non si riducono i compensi ed i privilegi di ciascuno? Perchè invece di dimezzare il numero non si fa in modo che ciascuno debba e possa fare seriamente il proprio dovere ? Non è questo il punto vero della questione ?”
(ovviamente non è tutta farina del mio sacco, ma leggo e sento altri che si fanno le stesse domande, e siccome mi sono parse legittime, le ho fatte mie)

In fin dei conti se riduciamo il numero, ne riducono in effetti la rappresentatività, riducendo anche la possibilità che qualche persona onesta (che pure esiste, anche tra i parlamentari, ne sono certo, altrimenti non avrebbe alcun senso andare a votare), riducendo anche la possibilità, dicevo, che qualche persona onesta possa essere eletta e possa contrastare la ineludibile presenza di un certo numero di disonesti.

Diminuendo il numero dei parlamentari, a fronte di qualche risibile risparmio, certamente sbandierato come conquista di democrazia, si lascerebbe comunque un numero ridotto di persone che gestisce il medesimo potere, conservando i medesimi privilegi che ora vengono contestati. Quindi i privilegi resterebbero invariati, anzi potrebbero con facilità essere aumentati proprio perché sarebbero in meno a doverne ragionare, diminuendo al contempo la rappresentatività del parlamento.

Non mi pare un gran risultato, anzi mi pare piuttosto una gran presa in giro (avrei usato altri termini) ! A mio modesto e probabilmente inutile parere la riduzione degli sprechi e dei privilegi (ingiustificati) parte proprio da qui: dalla riduzione degli sprechi e dei privilegi (ingiustificati), ovvero dalla necessità che ciascun parlamentare eletto sia messo in condizioni di dovere, seriamente ed onestamente, fare il lavoro per il quale è stato eletto, avendo, per altro, egli stesso scelto di mettersi a disposizione candidandosi. Credo che se si realizzassero queste condizioni, molti cialtroni opportunisti cercherebbero altre strade per fare il proprio interesse.

Solo in un secondo momento, una volta raggiunta una reale ed accettabile riduzione di sprechi e privilegi (ingiustificati), sarà eventualmente possibile valutare una riduzione, magari progressiva, del numero dei parlamentari. Il referendum, così come è stato posto, pensandoci, assomiglia troppo ad una fregatura! Resterebbero in meno a spartirsi lo stesso potere, la stessa quantità di sprechi e la stessa quantità di privilegi. Quindi potranno sbandierare una minima riduzione degli sprechi come grande conquista a fronte dell’effettivo aumento degli sprechi procapite e potranno quindi altrettanto sbandierare un modesta riduzione complessiva dei privilegi a fronte di un consistente aumento dei privilegi di ciascuno, spacciando tutto ciò come grande risultato della azione politica, prendendosi in un colpo solo, merito e privilegi e lasciando agli elettori responsabilità e sprechi.

E noi dovremmo essere pure contenti di esserci presi la responsabilità di questo bel risultato ? Io non ci sto, io ci andrò a votare al referendum, mio malgrado in questo caso, e voterò “NO”, non mi interessa avere un parlamento con metà cialtroni pagati troppo che detengono il doppio del potere di prima e magari si sentiranno anche autorizzati e legittimati proprio dal mio voto ad aumentarsi il compenso già eccessivo.

Lo spreco non si combatte riducendo i rappresentanti eletti da noi, ma riducendone i compensi non dovuti e combattendo la corruzione…. so che più o meno è la stessa cosa che avrebbe detto qualunque persona di buon senso … ma per quanto banale possa sembrare è proprio la cosa più difficile da realizzare e non per questo è giustificabile perseguire una scorciatoia che solo in apparenza più semplice, condurrebbe probabilmente ad un risultato profondamente sbagliato e anche pericoloso per la democrazia, deteriorando nel tempo la già limitata fiducia nella classe politica, fiducia che resta alla base del nostro sistema di democrazia rappresentativa: il potere non è del popolo, ma il popolo ha il potere di decidere chi dovrà gestire il potere.

49 a 81 … e c’è poco da ridere

Ed ecco che finalmente tutti i leghisti, che hanno “pazientemente sopportato” e compatito quelli (come il sottoscritto) che vorrebbero sapere perché a quel partito è stato concesso di imbertarsi 49 milioncini di solidi pubblici potendoli poi restituire in 80 (!) comode rate annuali, possono ora ribattere con argomenti convincenti.

Infatti ora al conto si aggiunge quello dei debiti contratti dal quotidiano l’Unità che dovrà essere restituito non già da chi l’ha contratto ma dalla presidenza del consiglio (non so per quale perverso meccanismo … del quale non dubito potrebbero ben usufruire tutti gli altri quotidiani, incluso la padania).

Quindi invece di essere incazzati con chi ha sottratto in tutto praticamente 130 milioncini di €uro, riescono ad essere felici e contenti di poter finalmente condividere con altri queste schifezze …

Io invece sono abbastanza stufo, amareggiato, e onestamente indignato per entrambi gli eventi, perché sono il segnale che una parte della nostra politica non ha nulla a che fare con la democrazia ma piuttosto con un parassitismo finalizzato unicamente ad autoalimentarsi.

Ma evidentemente per molti l’importante è, essendo nella cacca fino al collo, poterla tirare comunque addosso ad altri, convinti che questo sia sufficiente per uscire dal pantano in cui evidentemente si sguazza con grande serenità, essendo probabilmente convinti che si tratti di cioccolata …

Complimenti !!! anzi Complimentoni !!!

Magari, visto che c’è chi è così ansioso di tornare a votare, lo faccia pure per chi vuole, è un diritto di tutti, ma almeno lo faccia dando prima una occhiata al CV di coloro cui intendono affidare la loro rappresentanza in parlamento (e no! non si elegge il governo, ma il parlamento, ripassate educazione civica ogni tanto !).

E poi per favore non venite a dirmi che è inutile “tanto sono tutti uguali”, perché allora che cavolo sbraitate di voler tornare a votare: per cosa ? Eh ?

P.S. apprendo ora (ma onestamente non perderò il tempo di andare a verificare, se volete fatelo voi) di quanti soldi pubblici può godere radio padania … ne dobbiamo parlare ?

Uscire dalle fila del tuo credo

Un’amica scrittrice e pittrice, conosciuta anni addietro per comuni sensibilità fotografiche (mi diede l’opportunità di esporre alcuni miei modesti scatti di architetture), con la quale resto in contatto tramite Facebook ha recentemente citato sul social network questa affermazione: “GLI ITALIANI NON FANNO FIGLI PERCHE NON LI POSSONO MANTENERE. GLI STRANIERI FANNO FIGLI PERCHE LI MANTENGONO GLI ITALIANI” commentando poi con queste sue parole: “Senza parole…. Continuate a minacciare Salvini… queste vignette son prove di come va attualmente in Italia. Forse vi va bene così?!”

La citazione era accompagnata da una sorta di vignetta che rappresentava una culla con un neonato in fasce bianche dalla faccina spaventata circondato da moltissime culle con neonati in fasce nere dal volto coperto da una sorta di burka neonatale.

La forzatura era talmente forte che in un primo momento ho pensato che si trattasse di una sorta di citazione sarcastica. Sapendo però che l’autrice è persona colta ed in grado certamente di gestire le parole anche all’interno dei limiti e delle convenzioni dei social network ho voluto chiedere, commentando a mia volta la sua citazione così: “ma dici sul serio ?”

La risposta mi ha sinceramente lasciato perplesso: “… dico sul serio. Xche ti pare strano?!”

Essendo ormai evidente che la persona con la quale stavo interloquendo era convinta che le cose stessero nei termini sintetizzati dalla citazione e dalla relativa vignetta, al punto da essere convinta che quella vignetta costituisse “una prova di come attualmente va in Italia” argomento il mio dissenso.

Ora a prescindere dal fatto per me evidente che se sono stranieri e fanno figli non li manteniamo certo noi in quanto stranieri, mentre se qualcuno percepisce sostegni dallo stato italiano (ovvero da noi attraverso le tasse che “tutti” paghiamo) allora potranno anche essere nati altrove o figli di cittadini nati altrove ma sono comunque italiani come noi.

Da qui traggo alcune riflessioni:

  1. forse si continua a fare confusione tra italiani e stranieri, definendo come stranieri anche i cittadini italiani che in qualche modo differiscono da un comune medio denominatore di italiano bianco, cattolico (anche non praticante ma comunque di formazione educativa cattolica) e di famiglia di origine italiana (e anche qui non è poi ben chiaro quante generazioni occorre regredire per definire “di origine”);
  2. lo “straniero” è genericamente e semplicisticamente comunemente accostato al musulmano e/o nero;
  3. ancora il punto di confusione è la fede in salvini, onestamente mi risulta difficile (o forse no) capire cosa centri salvini con il fatto che gli italiani non facciano più figli.
  4. il problema demografico italiano è complesso e forse prossimo al punto di non ritorno: siamo un paese anziano che dovrebbe fare più figli per avere più giovani. Ovvero una tendenza sempre più difficile da invertire proprio in termini anagrafici, visto che chi sostiene la necessità di fare più figli sempre più spesso è proprio colui che (magari proprio dopo avere scelto di non avere più figli in età ancora fertile) si trova ora anagraficamente oltre la finestra di fertilità (che per il Min. della Salute si esaurisce verso i 50).
  5. resta sempre da approfondire la differenze tra l’idea di “fare” figli e quella di “avere” figli, che poi in origine ha a che fare con le motivazioni legate alla maternità ed alla paternità.

Il discorso come sempre è molto più complesso di come si vorrebbe schematizzare, spesso per opportunità di parte. 

Quindi per tornare all’origine di queste riflessioni la risposta che ottengo dopo le mie argomentazioni è la seguente: “Se sei contro Salvini, niente ti va bene di quel che fa. A me piace e lo seguo con stima. Non volevo che tu rompessi le fila del tuo credo.”

E qui sta un altro problemino non da poco: il contrasto tra la semplificazione di un”credo” data in pasto all’ignoranza contro il pensiero critico, documentato ed autonomo.

La semplificazione è spesso facile per chi ha mezzi culturali e comunicativi adeguati ed altrettanto facilmente assimilabile senza alcuno sforzo da chi non ha mezzi di analisi adeguati (vedi ultimi risultati delle prove Invalsi) o semplicemente non vuole usare nemmeno i pochi strumenti che avrebbe a disposizione (di base un cervello pensante lo abbiamo tutti) per pigrizia o per opportunismo.

Il pensiero critico, documentato ed autonomo richiede sforzo intellettivo, capacità di mettersi in discussione, e tempo, una risorsa che nella nostra vita quotidiana costellata da scadenze, responsabilità, sovrastimolazione mediatica e social media diventa sempre più rara e difficile da gestire.

Sono proprio queste le cose che più mi preoccupano della attuale politica non solo in italia:

  • eccessiva semplificazione della realtà fatta ad esclusivo vantaggio della propaganda politica di parte;
  • inaridimento del sentimento politico di un elettorato che in quota sempre maggiore appare arrendersi supinamente all’illusione di risolvere magicamente un innegabile peggioramento delle aspettative future delegando le chiavi del proprio pensiero e della propria volontà (ed infine interesse) all’uomo forte di turno, con tutti i rischi di chi si abbandona passivamente ad un “credo”.

Lo specchio del livello medio culturale di una quota sempre più vasta degli italiani e quindi degli elettori è proprio il governo attuale nelle sue due anime apparentemente solo contrapposte:

  • da una parte l’incapacità propositiva e la superficialità di un’anima nata sull’onda di una protesta generica ma senza alcuna proposta concreta e radicata su una visione forte di governo. Un conto è dire (anche a buon diritto) NO! così non va, bisogna cambiare; e un conto è avere la cultura, le conoscenze, le competenze e anche la creatività per fare proposte concrete e credibili.
  • dall’altra parte lo sfruttamento di un malessere sia vero che presunto convogliandolo verso facili bersagli esterni spesso definiti ad arte. Una volta è l’Europa, una volta sono gli immigranti e così via ingigantendo problemi innegabilmente esistenti ma assai differenti dai problemi reali.

Da qui in poi il discorso è ampio e difficile ma occorre che ciascuno se ne faccia carico, con un proprio pensiero, facendo la fatica di documentarsi attivamente evitando di cadere nelle tentazioni di facili “credo”.

S.C.M.

Europee 2019 prima …

Vero sono “solo” exit poll …

Resta il fatto che per l’Italia la maggior parte (relativa) degli elettori si sente rappresentata dalla lega (e dal suo comandante) … è la parte di Italia che mi piace di mano e sinceramente speravo fosse più piccola.

Ma tant’è siamo messi così.

In Europa le cose non mi paiono tanto meglio, tutto molto frammentato, difficile e complesso.

Quindi aspetterò i dati definitivi … ma con un qualche speranza in meno di vedere qualche cambiamento in meglio (per come la vedo io, naturalmente).

TV radio e parlamento

In Tanzania le sessioni di discussione parlamentare sono trasmesse in diretta televisiva (quanto meno per le discussioni più importanti) e tra l’altro sono molto più seguite e discusse, anche nei locali pubblici (quando no ci sono le partite di calcio) …

Questo può voler dire due cose:

1) la televisione non è un elettrodomestico diffuso come da noi e la programmazione “on demand” non ha ancora intorpidito o pressoché completamente assuefatto la platea degli spettatori, e quindi anche la discussione parlamentare è ancora un argomento di discussione interessante, mentre da noi è forse più seguito il dibattito sulla fine di una serie televisiva che quello parlamentare

2) il senso civico e l’interesse per la politica e la discussione parlamentare e la necessità/volontà di sentire e commentare e discutere le idee e le attività istituzionali dei politici ascoltandole direttamente dalla loro stessa voce all’interno del contesto entro il quale vengono enunciate è ancora prevalente rispetto alla pigra e passiva “digestione e rigurgito” in modo totalmente acritico, della prima sciocchezza diffusa sui social per sostenere artatamente un politico o un altro a seconda delle necessità.

Insomma, nel momento in cui qui si decide di chiudere il sostegno a chi offre un servizio pubblico come la trasmissione in diretta delle attività parlamentari senza prevederne il rimpiazzo con altre modalità (magari anche più tecnologicamente adeguate e magari economiche), mi pare che la Tanzania anche in questo settore ci stia superando …

Chiosa: a me sembra che il taglio dei fondi a Radio Radicale, l’unica emittente che offre la trasmissione dei dibattiti parlamentari (servizio importante ancorché poco utilizzato, ma questo non certo per loro mancanza) sia più pretestuoso e demagogico che non realmente utile e funzionale ad una migliore gestione dei soldi pubblici.

Ma forse è solo una questione di priorità e siccome non sono io ad avere le responsabilità del governo, le mie priorità certamente non contano se non per quello che sono: una opinione.

Non mi permetto

Non mi permetto certo di paragonare le leggi razziali emanate dal governo fascista al decreto sicurezza …

Quello che vedo però, è un ministro dell’interno della Repubblica Italiana che usa la sua posizione ed il suo potere per la propria, personale, propaganda elettorale e se non direttamente, quanto meno indirettamente (mi concedo il beneficio del dubbio perchè ovviamente non ho elementi per certificare il contrario, quindi il dubbio, forte, resta) avvalla, ammicca e fomenta (anche solo senza prendere chiaramente posizione contro) un clima di sberleffo, discredito e delegittimazione di chi non la pensa come lui, fomentando ed avvallando uno stato di polizia dove solerti, piccoli, funzionari burocrati si sentono autorizzati a fermare, identificare, sospendere, coloro che esprimono visibilmente, ancorché legittimamente, un dissenso verso il loro ideale comandante.

Quello che vedo è il continuo, ininterrotto e martellante fomentare di un clima oscurantista e pseudo religioso ai limiti del millenarismo, sdoganando l’odio con sorrisi e baci falsi come quelli di Giuda.

Fare del buono il disprezzabile, fare del giusto il ridicolo, fare della serietà sberleffo e dell’onestà un secondo fine.

Fare dell’ignoranza virtù, fare della paura strumento, fare dell’insulto normalità, fare della bugia metodo.

Ora se tutto ciò non lo volete chiamare fasciamo ditemi come dovrei chiamarlo ?

s.c.m.

Forse non è l’età ma il tempo che viviamo

Ma sono io che sto invecchiando ? (la domanda è retorica, è ovviamente un dato di fatto e vale per chiunque, mentre la risposta potrebbe invece non esserlo altrettanto) o il livello dello schifo sta salendo, politicamente parlando:

  • si indaga per turbativa elettorale (TURBATIVA ELETTORALE !?) per uno che ha deciso di esprimere pubblicamente il proprio dissenso con uno striscione critico contro personaggio pubblico di turno (in modo anche più educato di molti altri);
  • l’insegnante che ha fatto assieme ai propri alunni un interessante e didatticamente corretto, lavoro di classe raccogliendo i sentimenti dei propri studenti viene sospesa (e qualcuno che non ha nulla da fare che dare aria alla bocca se ne esce dicendo che dovrebbe essere “radiata” dall’insegnamento !!!) perché uno di questi video accosta le leggi razziali del periodo fascista al decreto sicurezza dell’attuale governo;

A questo siamo?

E poi si va in televisione a dire che il fascismo non esiste.

Perché, non sono forse fascisti nel profondo del loro animo questi solerti funzionari che pensano di lecchinare il proprio comandante con azioni bieche, così prive di senso e rispetto delle idee e del lavoro altrui?

Non è forse fascismo questo? e non ne faccio una questione lessicale, se avete autorità per poterne criticare l’aspetto grammaticale fate pure, chiamatelo come volete, ma la sostanza è la medesima: arroganza e sopraffazione !!!

E il comandante che vi si adegua anche solo nel silenzio ne è consapevolmente complice foss’anche solo per il ruolo di responsabilità che ricopre.

Questi sono i veri pericoli che corre la democrazia (la nostra democrazia) in questo tempo.

s.c.m.

Contraddizioni

Non credo che coloro che sostengono la politica del “1 vale 1” possano essere in buona fede sostenendo una così evidente contraddizione.

Non ci credo perché se ti presenti come paladino della meritocrazia, non puoi contemporaneamente sostenere la logica della indifferenziazione dei meriti e dei valori.

Meritocrazia per me è: 1 vale esattamente quanto dimostra di meritare.

Proporre la logica egualitaria del 1 vale 1 a tutti i livelli, in particolare in politica, non è meritocrazia e forse in fin dei conti neppure democrazia.

1 vale 1 non è un obiettivo da raggiungere, nella nostra imperfetta e zoppicante democrazia, 1 vale 1 esiste già: quando si partecipa alle elezioni, il mio voto vale tanto quanto quello di qualunque altro cittadino.

1 vale 1 uno quando esercito il mio diritto/dovere di voto.

Poi si potrà discutere della rinuncia al diritto/dovere di voto che a mio avviso non può essere una rinuncia passiva (pena la perdita di qualsiasi possibilità di replica) ma deve essere concretamente motivata ed attivata da altre forme di protesta democratica.

Per tornare alla logica del 1 vale 1, questa secondo me non può essere estesa alla responsabilità di governo. Chi viene delegato al governo non è più soltanto una persona che vale 1 ma ha una precisa responsabilità che gli è stata delegata da tutti gli 1 che lo hanno eletto, e sempre nel nostro imperfetto sistema democratico, si ritrova anche la responsabilità di rappresentare assieme agli 1 che lo hanno eletto anche tutti gli 1 che avrebbero preferito altri. Chi è al governo (ciascuno per la propria carica) non vale più 1 ma molto di più.

Sono fermamente convinto che, verso il basso, ogni singola persona abbia il medesimo valore e che questo significa che certamente ciasc1 deve avere pari diritti e contemporaneamente anche ed immancabilmente ciasc1 ha pari doveri.

Se quindi chi viene eletto al governo rappresenta il valore dei diritti di ciascuno, anche i doveri non sono più solo quelli della singola persona.

Al governo l’ignoranza, la superficialità, l’opportunismo e l’interesse di parte non possono valere tanto quanto la competenza, la serietà, e l’onestà.

Chi viene eletto non vale più 1 ma inevitabilmente molto di più e di questo deve essere in grado di rendersene conto e non deve trarne profitto per sé stesso in quanto singolarità ma semmai per tutta la comunità che è stato chiamato a rappresentare.

Ignoranza ed incompetenza non possono restare al governo.

Non è rancore e nemmeno rabbia

Per ora almeno. Certamente è dissenso ! Forte e convinto, non cieco.

Cala il pil, cresce la disoccupazione … non precisamente buone notizie.

A meno degli effetti di un rallentamento generale che va ben oltre i confini nostrani, noi in Italia continuiamo ad essere un passo indietro. Quindi per me casi sono due:

a) è colpa dei governi precedenti; allora significa che questo governo fino ad ora (e ormai è già insediato da un po’) è stato inefficace / ininfluente;

b) il governo attuale è una inefficace ed ininfluente banda di incompetenti, cialtroni superficiali, quando non in malafede.

Il trionfo del l’ignoranza arrogante.

Questa è una mia opinione, ovviamente, ma se un esponente di questo governo può serenamente ricorrere ai “lei non sa chi sono io !” oppure ai “io sono stato eletto” (sottintendendo che in forza di ciò può dire qualsiasi stupidaggine e pretendere che sia legge), potrò ben io continuare a sostenere pubblicamente di non sentirmi minimamente rappresentato da questi signori, anzi di essere in totale disaccordo con loro nel merito e nel metodo delle loro azioni (?) di governo ?

Si certo che posso, anzi, devo.

Continuo a non sentir parlare seriamente e concretamente di istruzione e di educazione (se non per ridicole quanto dannose campagne di disinformazione scientifica), di ambiente (se non per una cacofonia contraddittoria di frasi fatte su termovalorizzatori e terra dei fuochi), di cultura e di valorizzazione, questa si, del nostro patrimonio culturale. E come lo si potrebbe pretendere da cime quali la sig.ra Castelli e il sig. Toni Nelli da un lato e da aspiranti “ducetti” in malafede che proprio sulla ignoranza e sul timore della conoscenza hanno fondato il loro potere politico attuale.

Io non ci sto, e per cortesia amici (e non), non venitemi a dire che allora io preferivo i governi precedenti ! Perchè se allora friggevamo in padella, non significa affatto che mi piaccia ora essere tra le braci. Ormai anche il tempo di “rodaggio” (ammesso che ce lo si fosse mai potuto permettere) è terminato; quindi per favore non chiedetemi nemmeno di dare loro il tempo di lavorare … Perché poi, lavorano ?

Il tempo stringe e a me invece sembra che costoro non stiano facendo nulla di costruttivo, se non dilungarsi in un eterno litigio senza avere la minima cognizione e coscienza di ciò che sia la responsabilità del governo di una Nazione.

Si stanno sdoganando odio, rancore, ignoranza, superficialità e arroganza, quasi fossero valori positivi; si sta, questo si,  facendo di tutto per attizzare le braci in cui questi “eletti” ci stanno gettando.

Quindi no, non mi pare che ci sia nulla da concedere e ancor meno nulla di cui essere soddisfatti od orgogliosi.

Sono disposto a discutere, argomentare, e dialogare per cercare di capire ciò che forse è dovuto a un mio limite, ma ragionando di fatti e discutendo di idee con rispetto e cognizione.

Pretendere che si debba condividere ciò che per me è sciocco e stupido solo perché chi lo chiede è stato eletto (non da me per altro) o perché lo dicono i politicanti di turno (ora come allora), oppure pretendere che si stia zitti aspettando di vedere quello che succederà (rendendosi così complici al pari dei sostenitori) è decisamente scorretto, e secondo me solo un passo prima del pretenderlo con la forza.

Quindi inaccettabile.

Ciò di cui veramente, secondo me, dovremmo avere timore e quindi cercare di arginare con i mezzi che ciascuno ha, è la pigrizia intellettuale di accontentarsi degli slogan, fermandosi comodamente alla superficie dei problemi, la mancanza di curiosità sincera, l’ottusità di appiattirsi su idee altrui facendole proprie in modo acritico solo perché nell’immediato ci pare costino meno fatica, l’arroganza di chi avendo una conoscenza maggiore usa questo divario per alimentare il proprio potere anziché utilizzarla per condividerla a vantaggio proprio e di tutti (visto che è stato chiamato a responsabilità di governo).

S.C.M.