Archivi del mese: Febbraio 2013

Fare i “finocchi” con il “sedere” degli altri: r.2.0

poi alle volte si perde la pazienza!

per gli interessati ecco come è proseguita la mia vicenda con Corel: non si può abbozzare quando ti prendono per il culo, anche se sai benissimo di essere in condizione di inferiorità e che probabilmente incazzarsi non servirà a risolvere i problemi … ma a volte la pazienza si esaurisce!

this was the answer by Corel tech. support (?!) for the problem I found with CorelCAD


Dear Mr Manservisi,

The devlopment team has wrriten back regarding “external references are not automatically loaded” and confimred that the way you found is correct. They wrote that “the CorelCAD Appstore version has the restriction to run in a sandbox environment and it don’t have any direct file access to outside this sandbox. This is a restriction of the certification process of the Apple appstore. We can’t fix this, the only workaround is to load the xref-files manually.”
I would suggest that you buy directly from us a version next time and pay a bit more to get the full package.

I’m closing case.

Regards,
Simone
Corel Customer Support Services

And that was my reply:


This is too much, you are teasing me !
“next time” ? … “full package” ?

I finally lost my patience, Corel has cheated me!
Nobody anywhere warns that the version of CorelCAD sold through the Apple app store at a promotional price (as described in all advertisements and reviews on the subject), is an abridged version WITH SIGNIFICANT LIMITATIONS. Limitations that prevent to be able to define this version as a professional sw.
In the same way I was treated by a technical assistance incapable of solving the problems by your own admission.
All bad and very bad behavior, especially considering the name and image with which Corel pretend to be in the professional cad market.
I’ve lost hours of work thinking of relating to a serious company and prepared technical staff, I will certainly use all possible means at my disposal to make known the behavior of Corel.

Stefano Manservisi

Just to let you know my mood with Corel.
Stefano Manservisi

Elezioni 2013

… e comunque non posso (non voglio) essere del tutto pessimista.

Un 25% (circa) degli elettori italiani ha paura del mondo che sta cambiando e siccome non è ben chiaro dove questo stia andando (o meglio lo è abbastanza: sta andando dove ci sono energie giovani, e noi siamo vecchi sia in termini di anagrafica che di statistica) ritengono troppo pericoloso affidarsi a giovani sconosciuti “rottamando” il ciarpame stantio e polveroso (ma che dà tanta nostalgica sicurezza) che tengono gelosamente in casa. Meglio quindi lasciare il timone ai vecchi saggi (cui si sentono affini in quanto vecchi). Purtroppo i vecchi saggi non si rendono conto di non avere più energie per reggere il timone e neppure la fantasia per tracciare nuove rotte, ripercorrono quelle già tracciate (magari da altri) solo per il fatto che le conoscono … ma non si accorgono che sono cambiate le correnti !

Un altro 25% (circa) degli elettori italiani vuole credere alle facili scorciatoie, convinti di potersi inserire a traino, nella scia di chi avendo grandi questioni in gioco cerca la strada più comoda per perseguire il proprio personale interesse e in questa dinamica sperano di coglierne gli scampoli, delegando il potente di turno a fare quello che loro in prima persona non potrebbero o non riuscirebbero a fare.
I furbi, che pensando di imboccare comode scorciatoie seguendo ciecamente il loro “leader” non si accorgono di percorrere sempre la stessa strada ritornando al punto di partenza … ma il tempo impiegato per percorrere quelle scorciatoie passa comunque e se non hai la bussola o se non riesci a tenere il passo del tuo capo rischi di perderti o rimanere indietro.

Poi c’è un altro 20-23% (circa) che si lamenta. In fin dei conti lamentarsi è molto semplice e redditizio: se poi le cosa non vanno male come avevi detto nessuno si preoccupa delle tue lamentele tanto le cose vanno bene. Se invece le cose non vanno bene allora puoi sempre dire “lo avevamo detto!”.
In ogni caso però con i lamenti e i piagnistei non si cambiano le cose.

Infine c’è un altro 25% (circa) di italiani che è rassegnato e passivo, brontola in silenzio, anzi forse non brontola nemmeno e più che rassegnato non gliene frega proprio nulla,va avanti a testa bassa cogliendo le occasioni che di volta in volta si presentano ma sempre solo per la propria sopravvivenza.

In effetti non è un gran bel quadretto ma penso che sia tra i timorosi e tra gli insoddisfatti ci siano ancora persone che nonostante il declino culturale del nostro paese, credono ancora nei “banali” princìpi di onestà e sincerità … e lo fanno tra le mille a volte insormontabili difficoltà che l’attuale ambiente culturale e sociale pone loro davanti.

Per me una parte di questo declino culturale è stato in parte causato dalla “ubriacatura” di un benessere male inteso e forse troppo (falsamente) a buon mercato e dalla grande illusione di poter sostituire la più faticosa “educazione” delle generazioni più giovani (inclusa la mia che poi così giovane non lo è più) con la più comoda e passiva “video istruzione”.
30 anni di benessere a pioggia e svuotamento della istruzione, mercificazione della cultura e la illusione che la “finanza” potesse sostituire per sempre l’economia del fare, coltivare e costruire ci hanno imbambolati e rincoglioniti almeno una larga parte delle persone che vivono in questo paese pare siano cadute in questo torpore … poi c’è chi non ha mai avuto gli strumenti economici e culturali per uscire dalla propria condizione limitata e siccome per questo periodo di tempo erano una quota trascurabile (?) … sono stati trascurati.
Non credo che sia banale perseguire princìpi di onestà e sincerità (che possono poi essere declinati di volta in volta in modi e con nomi diversi) e soprattutto è difficile insegnarli e farli apprezzare alle giovani e giovanissime generazioni, anche perché tutto rema contro, sembra che comunque lo sforzo che occorre per conservarsi onesti e sinceri sia inutile e facilmente aggirabile.

Nonostante tutto credo che ci sia una quota grande di persone che si sta risvegliando da questo torpore … spero solo che lo faccia in tempo … perché il tempo non è infinito.

Io non ho fatto molto, ho dato il mio voto … la persona che avrei preferito votare non era in elenco, le regole di queste elezioni non mi hanno permesso di dire qualcosa di più … di fare nomi e cognomi … e quindi cercando il minore dei mali (o il miglior compromesso) il risultato non è soddisfacente … come credo non possa esserlo (al di la delle affermazioni di facciata) per nessuno …

Il fatto nuovo (spero positivo) è che il parlamento nonostante la rielezione di molti vecchi opportunisti è finalmente cambiato molte sono le persone nuove e animate da sincero entusiasmo per quello che sono stati chiamati a fare: governare il paese … spero solo che si ricordino di questo entusiasmo e che se sono stati chiamati è anche perché prima si sono dati disponibili e nel farlo hanno dichiarato i motivi per cui lo facevano … e sulla base di questi sono stati eletti … spero che il potere non mi renda ciechi e non li corroda … almeno non troppo in fretta …

Poi ci vorrà un altro ricambio …

Fare i “finocchi” con il “sedere” degli altri

non si finisce mai di trovarne … e inoltre siccome questa volta il “sedere” risulterebbe essere il mio, la cosa mi rompe ancora di più.

Quindi per chi fosse interessato riporto di seguito le vicissitudini che sto affrontando per con Corel per poter usare il loro sw CorelCAD acquistato (e pagato) presso l’App store di Apple.

Il fatto che su facebook, io abbia attivato il “mi piace” per Corel e CorelCAD non significa che mi piace veramente … ma soltanto che dopo avere acquistato CorelCAD per Mac (pagandolo subito soldi buoni) e averlo installato ho riscontrato molti problemi, il più grave dei quali è che nonostante l’anteprima corretta la stampa risulta spostata con il risultato che una parte del disegno viene tagliato fuori, la Corel non mi abbia minimamente considerato, anzi (il tecnico dell’assistenza) ha impiegato tempo e ingegno semplicemente per prendermi per il sedere.

Per farla breve le risposte dell’assistenza Corel (per un sw che loro propongono come “professionale”) sono state nell’ordine: prima che il mio plotter è vecchio (in listino HP fino al 2011 quindi non poi così vecchio e comunque molto diffuso e ancora in uso), poi che avrei dovuto essere io a chiedere il driver aggiornato per il mio plotter presso HP; non si sono nemmeno presi la briga di guardare che sul sito di HP il driver aggiornato e dichiarato compatibile con il mio S.O. c’era già (quello che io ho installato ovviamente).

Tutto ciò per me è decisamente poco professionale e come mi è capitato di sperimentare altre volte alcune ditte mettono sul mercato prodotti “prematuri” per poi fare fare il test d’uso agli utenti.

Dopo avere perso ore (giorni) di tempo per cercare di risolvere il problema (senza successo per ora) mi ritrovo con una assistenza che invece di cercare una soluzione (mi sono anche dato disponibile a fare tutte le prove che eventualmente sarebbe stato opportuno fare) fa lo scarica barile trattandomi come un deficiente !

Quindi non mi resta altro da fare che farlo sapere a tutti coloro che eventualmente fossero interessati (anche xchè CorelCAD è attualmente in offerta ad una cifra interessante sull’App store di Apple, motivo per cui ho deciso di acquistarlo).

In tempi di spending review diventa importante scegliere strumenti di lavoro efficaci ed economici quindi cercavo una alternativa ad Autocad che è troppo costoso e anche se molto migliorato non del tutto scevro da problemi e comunque richiede un impegno economico a mio avviso eccessivo (si paga troppo il marchio, poi c’è una mia antipatia personale di fondo ma questo non è un aspetto oggettivo).

Inoltre se poi mi vengono a dire che dopo aver speso quasi 400€ per il loro cad, per risolvere i problemi del loro sw dovrei buttare il mio plotter (che per inciso funziona benissimo con tutti gli altri sw che ho installato sia con Mac che con PC) perché essendo uscito di produzione nemmeno due anni fa è troppo vecchio e quindi dovrei spendere 2 o 3 mila €uri per un plotter nuovo … bè, a me girano … molto !!!

Sarò poi ben contento di raccontare (a chi fosse interessato ben inteso) se ci saranno sviluppi … magari anche positivi.

Se chi legge qui è interessato, di seguito riporto l’ultima nota che ho lasciato sulle pagine Corel e CorelCAD di Facebook:

“I’m not so happy with CorelCAD since I have Plotting problem from CorelCAD for Mac (2013) under OS X 10.8 on my HP Designjet 500 Plus (unwanted offset even if the preview was correct) and Corel assistence seems not to want solve the problem but only goes on telling me the Plotter is outdate (it was selled from HP since 2011 so it is not so old and it is still widespread ad in use), or should I ask for driver do HP by niself (the driver for OS X 10.8 is already installed on my Mac download from HP and fromApple) but no solution was provided at all.
I found that not so “professional” as Corel sell its professional CAD but telling me (after days of workaround) the problem is about my old (2011 !) plotter.
Plus: I found other two problem with CorelCAD:
– unable to automatically load external references, it is necessary (to me) to load them manually every time I open the file, even if I saved it. (corel assistence tell me they are working around).
– the local context menu sometimes disappear of flicker making difficult to use it (corel assistence tell me they are working around).
More: I buy CorelCAD fron App Store but still I do not have the Serial Number and therefore I am not able to register the sw and before the Corel assistence contact me to hear about my problems I need to leave messages on twitter and Facebook. After that they contact me but still I could not say the problem was soled and the service assistence was acceptable.
Hoping things could change and the problems solved, by now I am not so happy, nor with CorelCAD 2013, nor with Corel assistence.
Stefano C. Manservisi”